Banda della GdF, presentato il libro sul fondatore Manente

Nella splendida cornice dell’aula magna dell’Università degli Studi del Molise, alla presenza dei vertici della Guardia di Finanza e delle massime autorità civili e religiose regionali, si è tenuta ieri la presentazione del volume “Il Maestro Giuseppe Manente fondatore della Banda Musicale della Guardia di Finanza”, scritto dal giornalista e storiografo Sergio e Bucci e dal musicologo Alberto Mammarella, docente presso il Conservatorio del capoluogo.

La manifestazione, realizzata con il patrocinio del Comando Generale della Guardia di Finanza, si inquadra nel programma di eventi organizzati dal Comando Regionale Molise delle Fiamme Gialle, in collaborazione con istituzioni, enti ed organizzazioni della società civile, per la ricorrenza del 150° anniversario della nascita del M° Giuseppe Manente, fondatore della Banda Musicale della GdF. Durante la cerimonia Poste Italiane ha commemorato la figura del Maestro mediante uno speciale annullo filatelico su cartolina appositamente realizzata. Lo scorso 22 luglio, nell’ambito del “Festival per… Manente”, organizzato dal comune di Guglionesi, si è tenuto il concerto della Banda Musicale del Corpo, di cui il Maestro Manente, nativo di Morcone (BN), che considerava Guglionesi come sua comunità adottiva, è stato il fondatore nel 1925.

La serata, condotta dalla giornalista Manuela Iorio, ha avuto inizio con i saluti del Magnifico Rettore Gianmaria Palmieri e del Comandante Regionale Molise della GdF Gen. B. Antonio Marco Appella. E’ seguita la presentazione del volume, il primo mai scritto sul maestro Manente a cura del prof. Matteo Luigi Napolitano, associato di Storia delle relazioni internazionali presso l’Unimol.

Il volume, realizzato in due parti da Bucci e Mammarella, ripercorre dapprima la storia e la carriera memorabile del maestro, dedicando un capitolo alla fondazione della banda musicale della Guardia di Finanza con foto e testi resi disponibili dagli archivi del museo storico e della banda musicale del corpo. Nella seconda parte sono stati approfonditi invece gli aspetti prettamente musicologici, con riferimento alla produzione artistica ed al catalogo delle opere del Maestro, grazie alle ricerche minuziose effettuate presso biblioteche e conservatori in Italia e all’estero. Sul palco, poi, si sono esibiti i dicoenti del Conservatorio “L. Perosi” e allievi della Scuola Mandolinistica del Circolo Musicale “P. Mascagni” di Ripalimosani.

In seguito un intervento commemorativo del Maestro Ten. Col. Laserra Ingrosso, Direttore del complesso bandistico della Fiamme Gialle che ha diretto le note del “Canto degli Italiani” e l’inno di Mameli.

In conclusione le parole del Generale di Corpo d’Armata Carlo Ricozzi, Comandante Interregionale dell’Italia Meridionale, che ha ringraziato anche a nome del Gen. C.A. Giorgio Toschi, Comandante Generale del Corpo, gli organizzatori, gli autori, gli artisti e tutto il pubblico presente. Le celebrazioni per il 150° anniversario della GdF proseguiranno il prossimo 25 novembre quando l’area verde di via Carducci a Campobasso verrà intitolata proprio “Parco della Musica – M° Giuseppe Manente”.

 

fonte quotidianomolise.com

 

Condividi la notizia con i tuoi amici, e per essere sempre aggiornati in tempo reale, clicca Mi Piace sulla pagina ufficiale di Morcone.net su Facebook