Eolico in montagna: i comitati si mobilitano, giù le mani dal Matese

Nel corso dell’Assemblea svoltasi il 20 settembre scorso nella sala consiliare del Comune di Sassinoro su iniziativa della Rete dei Comitati e delle Associazioni di Tutela Ambientale di Campania e Molise, alla presenza del Consigliere della Campania, Francesco Todisco, componente della Commissione Regionale Antimafia, e del Consigliere Michele Petraroia, componente della Commissione Ambiente della Regione Molise, è stata ribadita una ferma opposizione alla devastazione del Matese, allo stravolgimento di aree protette o di interesse comunitario, al deturpamento del tratturo Pescasseroli – Candela, all’aggressione della Valle del Tammaro e alla violenza perpetrata nei confronti di un territorio incontaminato e di rara bellezza come il Massiccio del Matese coinvolto da più proposte di legge giunte alle battute finali in Parlamento tese ad istituire un Parco Nazionale.

“L’eolico selvaggio non può trivellare impunemente zone calcaree che costituiscono il più grande serbatoio d’acqua dolce dell’Italia Centro – Meridionale che serve a dissetare le città di Napoli, il Molise e gran parte della Campania.

Il sito storico di Saepinum – Altilia, con 2500 anni di storia merita di essere salvaguardato, così come non può essere devastata la ricchezza geologica di un’area in cui è stato rinvenuto un esemplare di dinosauro risalente a 110 milioni di anni fa.

L’Assemblea della Rete di Comitati di Campania e Molise ha manifestato forte solidarietà ai pastori della Montagna di Morcone che si stanno battendo da mesi con un picchetto permanente in una zona straordinaria del Matese per richiamare l’attenzione delle distratte istituzioni nazionali, regionali, e locali dello scempio che si sta consumando in uno dei luoghi più belli d’Italia.

Dai molteplici interventi dei rappresentanti delle associazioni presenti è venuta la sollecitazione a procedere in ogni sede per tutelare il Matese, le attività zootecniche, le aziende agricole e le imprese del settore turistico che verrebbero penalizzate dagli insediamenti dell’eolico selvaggio.

A ciò si è aggiunta la preoccupazione per la tutela della salute delle persone esposte ai rischi degli impianti eolici frutto di studi scientifici predisposti da ricercatori e da Ordini Professionali come quello recenetemente illustrato nel convegno a Pontelandolfo dall’Ordine degli Psicologi della Provincia di Benevento al cospetto del Sostituto Procuratore Aggiunto della Corte d’Appello di Napoli e di giornalisti del Corriere della Sera.

Molti interventi hanno sollecitato la Regione Campania ad intervenire rapidamente per far rispettare le sentenze del TAR e del Consiglio di Stato che annullano i progetti autorizzati al confine con il Molise senza aver convocato in conferenza dei servizi la Regione Molise, ma non sono mancate proteste verso la stessa Regione Molise che non si è attivata per tutelare i propri diritti nei confronti dell’inadempienza acclarata e ripetuta della Regione Campania”.

La Rete delle Associazioni e del Comitato ti Tutela Ambientale di Campania e Molise ha dato mandato al Sindaco di Sassinoro di redigere il verbale della riunione e di continuare nell’opera di sensibilizzazione, raccordo operativo ed unità d’azione tra amministrazioni locali, istituzioni regionali, rappresentanze parlamentari, organizzazioni imprenditoriali e cittadini, per rilanciare una grande mobilitazione in difesa del Matese e della Valle del Tammaro.

fonte quotidianomolise.com

Condividi la notizia con i tuoi amici, e per essere sempre aggiornati in tempo reale, clicca Mi Piace sulla pagina ufficiale di Morcone.net su Facebook

banner_baita_LIBRO