Le Zeppole di San Giuseppe, buone per la Festa del Papà e non solo

Tra qualche giorno ricorrerà la Festa del Papà, che nelle specialità gastronomiche è legata direttamente a doppio filo alla Zeppola, un dolce tipico di tutt’Italia. Nasce come semplice frittella che viene preparata con diverse modalità quante diverse sono le regioni. E se in alcune località questo pasticcino viene consumato in pieno periodo carnevalesco, nel sud Italia, in particolare nella regione campana, e ancor più precisamente nella città di Napoli, esso è consumato proprio nel giorno della Festa del Papà, il 19 Marzo.

La Ricetta

  • 6 uova
  • 250 gr. di farina
  • 50 gr. di burro
  • 1/2 litro di acqua

La Preparazione

Versare in una pentola l’acqua con il burro e il pizzico di sale, accendete il fuoco a fiamma media, quando l’acqua a limite del bollore, versatevi la farina setacciata tutta insieme e mescolare energicamente fino a quando il composto non si staccherà dai bordi della pentola. Spegnere il fuoco e lasciar intiepidire e aggiungere le uova, uno alla volta sempre girando con forza finché si sarà amalgamato tutto il composto. Lasciar riposare per 20-25 minuti.

Formare delle rosette con la sac à poche con beccuccio stellato, facendo ben attenzione alla disposizione sul vassoio per la cottura, lasciando la giusta spaziatura e creando la forma regolare con movimento semplice a spirale (dal centro verso l’esterno).

La “pasta” della zeppola è a questo punto pronta, occorre solo procedere alla cottura che eseguiremo al forno. Nel frattempo si può quindi passare alla preparazione della crema per la farcitura, avendo a disposizione i seguenti ingredienti:

  • 50 cl. di latte
  • 4 tuorli uova
  • 100 gr. di zucchero
  • 80 gr. di farina
  • 1 limone

Lavorare in un recipiente lo zucchero con i tuorli fino a ottenere un composto bianco e spumoso. Aggiungere la farina setacciandola con un colino per non formare grumi, il latte e due pezzetti di buccia di limone. Porre il recipiente su fuoco a fiamma media e addensare la crema, mescolando continuamente. Togliere le bucce di limone e lasciar raffreddare.

Dopo la cottura delle “rosette”, non resta che da eseguire la farcitura delle stesse, aggiungendo la crema all’interno, lasciandone una stella ben in evidenza sulla superficie. A completare il tutto sarà l’immancabile amarena e una cascata di zucchero a velo.

 

Il Suggerimento dell’esperto

Le Zeppole più tradizionali sono sicuramente quelle fritte ma in molti preferiscono la versione cotta in forno come quella appena proposta: un po’ più leggerà e con un gusto più delicato.

 

Quest’articolo fa parte del Libro di Ricette della Tradizione Morconese che ci accompagnerà prossimamente sul portale Morcone.net con nuovi suggerimenti e consigli gastronomici.

Se avete fretta di gustare questa ricetta, la potete trovare già pronta da mangiare presso La Baita – Specialità da asporto in Viale dei Sanniti n. 54 – oppure ordinarla telefonando allo 0824.956422

banner_baita_LIBRO