Humans of Sannio: anche noi abbiamo molto da raccontare…

A New York c’è un giovane 32enne che si chiama Brandon Stanton. Brandon è uno scrittore, un blogger, un fotografo. Cosa c’entra con Morcone lo capiremo fra poco. Nel 2010, quando perde il lavoro, decide di dedicarsi a tempo pieno alla fotografia. Si trasferisce a New York e, quasi per gioco, per caso, fotografa una donna vestita di solo verde. Carica la foto su Facebook, con alcune frasi pronunciata dalla stessa a far da corredo.

Eureka! A volte le migliori idee, quelle più originali, nascono per caso. Da allora Brandon ha fotografato centinaia di persone di New York, raccontandone brevemente alcuni spaccati di vita. Dando vita al progetto Humans of New York. Che è diventata una pagina Facebook con 18 milioni di like, oltre che una stimata pagina Instagram e un libro divenuto Best Seller.

Cosa c’entra tutto ciò con Morcone lo capiamo ora. L’associazione Verdemente, attiva da metà giugno sul nostro territorio, ha deciso di ispirarsi a questa originale iniziativa per dar vita all’analogo Humans of Sannio. Il progetto, curato da Lucia Cerulo, Alessia Maselli, Anna Maria Maselli, Antonello Petrillo, si propone quindi di offrire una visione inedita della gente che ci circonda.

Schermata 2016-08-30 a 16.13.44

Gli stessi hanno dichiarato che è bello conoscere le persone perché possono sorprenderti. Conoscendole meglio, si può scoprire di condividere con loro emozioni e fragilità. Questo, più di tutto, fa rendere conto cosa significa davvero essere umani.

Non si tratta di interviste estremamente lunghe o complesse. Si tratta di brevi momenti di dialogo, che partono da domande canoniche, dalle quali si dirama un discorso essenziale ma profondo. L’idea alla base di tale progetto è, a detta degli organizzatori, dare voce alle storie delle nostre terre tramite chi le rappresenta: la gente comune.

Humans of Sannio è un progetto nato da poco, ma che ha già riscosso successo ed apprezzamenti.

Chiunque abbia qualcosa da dire può essere intervistato. Raccontare le storie di vita vissuta, anche quelle che a livello personale riteniamo meno interessanti, può essere lo spunto per una riflessione più approfondita.

Tramite questo puzzle di parole ed immagini, i ragazzi dell’associazione vogliono tracciare una “mappa dell’umanità” con la quale poter viaggiare all’interno della comunità locale, per addentrarsi nelle emozioni comuni della gente comune. L’effetto visivo è eccezionale: le bellissime foto realizzate dai ragazzi sono di forte impatto visivo. Foto che catturano l’essenza della naturalità del progetto. Nulla di costruito, nulla di schematico: solo libertà di esprimersi, che si traduce in libertà di fotografare un qualsiasi momento di vita.

Un esperimento lodevole, al quale non possiamo che augurare un successo ancor maggiore di quello che sta avendo. Potete trovarlo e seguirlo qui.

 

Per essere sempre aggiornati in tempo reale, cliccate Mi Piace sulla pagina ufficiale di Morcone.net su Facebook